Servizi alle imprese: per Sheila c’è la sintesi di tutto

Servizi alle imprese: per Sheila c’è la sintesi di tutto

25 luglio 2017

Già qualche anno fa, decisi che avrei voluto intervistare Sheila Occhioni: mi aveva convinta il post nella sua pagina Facebook per informare dell’apertura del sito di PiuSicura Srl, l’azienda di cui è titolare, e chiedere un feedback agli amici. In poche ore, oltre 600 mi piace e vari commenti. Sheila aveva ottenuto con garbo il suo obiettivo, con un modo di porsi chiaro, diretto, trasparente. Una comunicazione efficace e personale.
Sono le caratteristiche che ritrovo anche durante l’intervista e nelle parole che ne rendono la professionalità, la sincerità nel rapporto con i clienti, il rispetto verso lo staff.
La sintesi che le fa comporre il tutto, al lavoro come nella vita, è suo figlio Mattia. Sheila ci racconterà perché.

La comunicazione per te, Sheila?
E’ importante, sempre. Riguardo al caso della messa on line del sito di PiuSicura Srl non avevo pensato a Facebook per parlarne. Nella mia pagina personale non mescolo lavoro e vita privata. Anche in quell’occasione però ho trovato conferma che avere un modo diretto e sincero di comunicare – e di essere – ripaga.
Il cliente percepisce che il mio primo obiettivo è instaurare una relazione umana e insieme professionale, per un percorso comune che non significa per forza portare a casa il contratto. In qualche parola: non illudere, essere chiari, professionali. Lo evidenzio, ad esempio, quando mi vengono chiesti servizi che esulano dalle nostre competenze: integro con quelle di partner fidati che coordino.
Ho voluto che questo emergesse dal sito web e dai social. Molti clienti arrivano da noi proprio dopo aver visitato il sito; il passaparola fa il resto.

Il tuo lavoro con lo staff?
Siamo una squadra collaudata, un gruppo unito che lavora con la massima trasparenza. Tra di noi il “non detto” non esiste, pur se la riservatezza è totale. Quindi comunicare bene e con responsabilità, soprattutto, è fondamentale.
Scelgo “persone”, indifferente siano donne o uomini. Nelle donne noto più tenacia e precisione. Andrea, che si occupa del coordinamento dell’ufficio interno, è la collaboratrice che lavora con me da sempre e che ha avuto fiducia in me e nel progetto imprenditoriale (ndr: Andreina Marinigh, 33 anni e una laurea in lingue). Abbiamo età diverse: una ricchezza, un valore condiviso. Ascolto i suoi suggerimenti proprio perché per età ed esperienze guarda le cose con altra ottica. E’ cresciuta molto, a lei delego con fiducia completa: contano il rispetto e i risultati. Posso dire che non sarei qui senza Andrea.

Sheila chiama anche Andrea e la coinvolge nell’intervista.
A lei chiedo come si lavora in PiuSicura.
Siamo organizzate, molto precise, l’atmosfera che si vive qui è serena e gli interlocutori lo sentono, così come apprezzano trasparenza e riservatezza. Con noi dell’ufficio i clienti hanno un rapporto di fiducia perché nei loro confronti ci poniamo come fa Sheila, sulla quale oltretutto sappiamo di poter contare anche nelle situazioni più difficili.

Ritorniamo all’inizio Sheila. Com’è nata PiuSicura?
Una scelta di passione e incoscienza. Dopo tanti anni di lavoro in Confindustria avevo bisogno di cambiare e di avere un punto fermo, consapevole anche delle competenze acquisite. Dimostrare il mio valore e mettermi alla prova è stata una molla importante. Questo dal lato professionale.
C’era però un altro aspetto fondamentale: poter seguire mio figlio Mattia senza dipendere da vincoli esterni, essere libera nella gestione del tempo.
Lui è la sintesi di tutto. La passione che ho per il lavoro è anche un impegno verso Mattia. Facendo quello che mi piace e mi coinvolge posso trasmettergli entusiasmo, dargli una chiave per guardare al futuro. Trasmettergli che con tenacia e capacità, credendo nei propri sogni si può riuscire, raggiungere risultati. E se non arrivano, non bisogna guardarlo come un fallimento perché almeno si è avuto il coraggio di provare!

Save

Save

Save

Save

Save

Save

Save

Save

Save

Save

Quale progetto potrebbe rendere unica e riconoscibile la vostra comunicazione?
parliamone insieme →